ANCORA QUI!!!

ORA IL MIO BLOG è QUESTO - http://daniele-uboldi.blogspot.com

domenica 28 febbraio 2010

Oggi a Cadrezzate!


Gara tosta per gente tosta, qualcuno direbbe! Io aggiungerei, giornata tosta per appassionati tosti! Come lo sono tutti quelli che gravitano attorno a noi che corriamo con alterne vicende.
Mi riferisco naturalmente agli organizzatori, tutti, al di là del loro compito e importanza, ma anche e soprattutto a chi per pura passione, oggi ha sfidato il vento ancora invernale proveniente dal lago di Monate e sul prato che ospitava il gommone dell’arrivo ha sfidato l’umidità e il fastidioso soffio gelido, per immortalare tutti i 700 partecipanti della 2^ tappa del Piede d’Oro giunti a Cadrezzate per la 25^ edizone della “Paola e il suo lago”.
La nota positiva è stata l’assenza della pioggia, prevista dai meteo, ma secondo me il vento stesso ha contribuito a tenerla a debita distanza

La mia prima partecipazione stagionale al Piede d’Oro è stata arricchita dalla piacevole compagnia durante il viaggio dell’amico Claudio, contagiato anch’egli dalla malattia podistica e del Mario nazionale, chi è? direte voi! Ma il Mario Busnelli di Corsamica, e chi sennò!!!

Il consueto incontro con gli amici: Beppe, Antonello, la dinamica e simpatica Janine e Attilio; oggi per me è gara sociale e allora ecco tanti compagni dell’Atletica Casorate, l’Antonio e la Silvia, nel prezioso compito di consegnare a noi tutti gialloneri i cartellini di gara.

Ore 9:15 si parte, un quarto d’ora di ritardo, motivo? Mi sembra di avere sentito causato da problemi di iscrizioni, nonostante il tempo poco invitante, l’affluenza è stata importante (800 iscritti), causando così alcuni problemi di gestione cartellini.
Percorso classico di questo importante circuito, altimetria nervosa e terreni di vario genere: asfalti, sterrati e sentieri boschivi.
Caratteristiche rese oggi ancora più impegnative dal fango, anche se tutto sommato, prima della partenza avevo immaginato situazioni peggiori!

Gara divertente e dura, le salite su asfalto inizio ora a digerirle sufficientemente, ma quelle su sentieri simili a quelli di montagna mi sono ancora indigesti.
L’appoggio risultava precario e nella prima salita vera (500m circa, la più ripida delle due) ho sofferto ai polpacci e per la prima volta (da quando corro) ho avvertito dei fastidi ai tendini.
Mentre nella seconda, più lunga (700m), ma più dolce e forse, trovandomi con i muscoli più reattivi e caldi, ho sofferto di meno, ma a quel punto era il fiato a latitare!
Alla fine mi diverto ogni volta e comunque, ed è giusto che sia così.
Molto bello e suggestivo, peccato per le condizioni del tempo, l’arrivo sul pratone che fa da spiaggia alla riva del lago.

Ottimo allenamento in vista della mezza di domenica prossima (LMHM) in programma sulle sponde di un altro lago, quello Maggiore.
Speriamo in settimana di poter lavorare bene e arrivare a questo importante appuntamento in condizioni almeno decenti, mentre per Vigevano ho altri 15gg e comunque come ho già scritto, queste due mezze di inizio stagione verranno affrontate da me in maniera serena e senza mire prestazionali.

Ultima cosa! È sparito 1 km! eh si! Gli organizzatori a bocce ferme davano 9,80 contro i 8,80 di tutti i gps presenti oggi all'arrivo! (42'36" il mio time, 4'50" di media).
Mah! 100/200m si possono mettere in tasca, ma 1 km né tiene di spazio!!!
Per il resto, come al solito o quasi, buon ristoro e buona organizzazione!

Per le notizie e commenti sulla testa della corsa con relativa classifica della gara non mancate il blog di BEPPE, Giuseppe Bollini, per le foto quello di Mario CORSAMICA, altri commenti sul sito degli organizzatori G.P. Miralago, l’articolo di Antonio Puricelli sul sito dell’Atletica Casorate, il blog di Janine, quello degli Athlon Runners e per finire il blog di Antonio Capasso.
Non dimentichiamo poi Fabrizio Gulmini e le sue riprese televisive che saranno visibli da Giovedì su teleSTUDIO8.

13 commenti:

  1. Effettivamente anch'io vedendo le premesse in zona arrivo mi aspettavo una situazione peggiore per quanto riguardava il fango...
    invece ci è andata di lusso!! :-)
    Allora visto che Domenica prox non sarai ad Arconate ma a Stresa, buona mezza!

    RispondiElimina
  2. Ciao bello è sempre bello leggere i commenti gara, poi quella dei km. è un telenovela che non finirà mai, ma perchè è cosi difficile fare un giro in bici ahahahahhahaha

    Ma chi se ne frega noi si corre per divertirsi. ciao Buone Corse Ago.

    RispondiElimina
  3. Riesci sempre a farti fotografare in piacevole compagnia...oggi grande INTER

    RispondiElimina
  4. bella la foto sul circuito!!
    8-9km nonfa molta differenza e' tosta!!!
    ciao Grande!!

    RispondiElimina
  5. Io non son molto d'accordo...
    quando vado a fare una gara, la cosa più importante è il percorso! Come viene preparato, segnalato, presidiato e naturlamente misurato!
    Tutto il resto, dalle iscrizioni al ristoro o alle premiazioni è contorno; in una gara breve dove si va a tutta dall'inizio alla fine, 1km di differenza fra quello che ci si aspetta e quello che realmente si trova può fare la differenza.

    RispondiElimina
  6. Sempre duri questi tipi di percorso....

    RispondiElimina
  7. Playbeppe:
    Grazie Beppe! sono sicuro anche che ad Arconate farai una bella gara, tutto in piano, così potrai sprigionare l'artiglieria pesante!

    Antonio:
    eh eh eh ognuno di noi ha approcci differenti alla gare e tutti sono nobili!

    Gian Carlo:
    Però il Milan inizia farmi paura!!!

    Uscuru:
    Bè! 1 km su 20 forse non fa molta differenza, ma in queste gare dove dai tutto e subito, e sopratttuo su questi terreni e caratteristiche altimetriche, credimi, 1 km è un abisso!

    Palybeppe:
    D'accordo!

    Diego:
    Si si! è proprio vero! soprattutto coi terreni pesanti!

    RispondiElimina
  8. antonello rinaldi28 febbraio 2010 22:37

    Beppe sfondi una porta aperta io mi ero tenuto in serbo qualcosa per l'ultimo km che... non c'era! in tempi di gps sbagliare di 1 km è VERGOGNOSO
    Antonello

    RispondiElimina
  9. Ho appena letto sul sito del G.P Miralago che è stata una decisione dell'ultimo momento (dopo la perlustrazione del percorso fatta la mattina della gara), quella di accorciare (loro dicono di 500mt.) il tracciato rispetto a quello che doveva essere in origine, a causa delle cattive condizioni di un tratto, dove la pioggia e l'eccessivo fango avrebbero reso pericoloso il transito della corsa.
    Bene, ben venga una scelta di questo tipo a tutela dell'incolumità dei partecipanti, però avrebbero dovuto avvisare prima della partenza....

    RispondiElimina
  10. Il dubbio mi era venuto sulla possibilità di una loro decisione per motivi di sicurezza, è già capitato altrove, ma come dici tu avrebbero dovuto avvertire prima della partenza! cmq mancano sempre 500m!!!

    Grazie Beppe per la News!

    RispondiElimina
  11. Ho chiesto io di accorciare il percorso! Dovevo andare a fare l'aperitivo dopo la gara!
    x Daniele: mi dispiace che la foto sia venuta un po' lontana ma ti stavi facendo sorpassare all'ultima curva e io ho dovuto scattare prima che succedesse...
    ma l'effetto vin brulè quanto dura? siete belli carichi eh?
    ciao

    RispondiElimina
  12. Infatti Mario! non sai quanto mi è bruciato quel sorpasso, soprattutto perché ti ho visto lì pronto a immortalarmi!
    Ma porca miseriaccia eravamo su terreno da cross e soffro la mia scarsa attitudine per quel tipo di terreno ... ma se eravamo su asfalto col c...o che mi superava quello!!!

    Di vin brulè ne ho bevuto 1 bicchiere solo, ma il Beppe ne ha presi 3 ... così dice lui!!!

    RispondiElimina
  13. Grazie per aver pubblicato il logo del sondaggio. Staremo a vedere se funziona
    ciao

    RispondiElimina